I primi di gennaio del 1996, vent’anni fa, moriva François Mitterrand, per quattordici anni (1981-1995) presidente della repubblica francese.

Mitterand ha lasciato un segno profondo nella storia francese, anche dal punto di vista della comunicazione politica. A partire dallo slogan – rimasto celebre – della sua campagna del 1981: “La force tranquille” (La forza tranquilla).

Nelle intenzioni di Jacques Séguéla – decano della comunicazione francese – la frase avrebbe dovuto avere il duplice effetto di rassicurare l’elettorato moderato che guardava con una certa diffidenza alla possibile elezione del primo presidente socialista della quinta repubblica e, al tempo stesso, esprimere forza e solidità del candidato e della sua coalizione.

Dopo un primo set fotografico andato a vuoto davanti la cattedrale di Reims, la scelta dello sfondo su cui collocare il messaggio elettorale cadde sulla piccola chiesa di Sermages, piccolo villaggio nel centro della Francia. Il partito socialista, forza laica e progressista, ottenne che nella foto usata per il manifesto venisse cancellata la croce posta in cima al campanile della chiesa. Nacque così un fortunatissimo slogan elettorale che contribuì alla vittoria di misura di Mitterrand (51,8 % dei voti) sul presidente uscente Valéry Giscard d’Estaing.

Al rapporto tra François Mitterrand e la comunicazione politica Lucie Cariès ha dedicato il documentario “Mitterrand, du verbe à l’image” di cui potete vedere un estratto (in francese) di quale minuto sul sito dell’INA a questo link